B Corp Champions Retreat – L’Italia tra i leader del movimento globale delle Benefit

A Toronto il 4 e 5 ottobre 2017 si sono incontrate più di 600 B Corp da tutto il mondo. Perché Toronto? Persone di origini ed estrazioni diverse formano la popolazione di Toronto che parla 140 lingue diverse. La diversità e l’inclusione è la forza di questa città. Non c’è da stupirsi quindi che B Lab abbia scelto questo luogo per ospitare il “Global Champion Retreat –Interdipendence”. E finalmente le prime cinque persone a susseguirsi sul palco con le loro storie di cambiamento sono state tutte donne.

I temi di inclusione, interdipendenza e le grandi sfide globali ambientali e sociali accomunano tutte le persone e le aziende B Corp presenti. Soprattutto ciò che ci accomuna è la voglia di essere protagonisti attivi del cambiamento e di co-creare il futuro che desideriamo. Obiettivi ambiziosi che da soli non siamo in grado di raggiungere ma invece possiamo immaginare insieme. Non abbiamo risposte certe ma possiamo porci continuamente domande, uscire dall’area di confort e personalmente e collettivamente raccogliere nuove sfide. Come la sfida all’inclusione lanciata lo scorso anno da B Lab a cui hanno partecipato 175 aziende da 15 paesi diversi, 684 obiettivi di inclusione fissati, di cui più del 40% già raggiunti.

Alla premiazione finale avremo l’onore come Nativa di passare di mano il premio “Most Valuable Player 2016 Global” che abbiamo vinto l’anno scorso come riconoscimento del lavoro svolto nella promozione del movimento on Italia che ci ha fatto diventare la comunità a più veloce crescita nel mondo e il primo paese al di fuori degli Stati Uniti a riconoscere la forma giuridica delle società benefit.

La Stampa

Innovazione amica dell’ambiente: il premio di Legambiente alle imprese green

LEGGI
DDay

I robot sono tra di noi, ma non li vediamo

LEGGI