EN / IT
Il Report di Sostenibilità di OVS

Il Bilancio di Sostenibilità di OVS, frutto della collaborazione di NATIVA di anni con il gruppo, è al primo posto del Premio Bilancio di Sostenibilità ideato da Corriere della Sera e Bologna Business School.   Il settore della moda è complicato dal punto di vista della sostenibilità perché gli impatti di questa industria sono enormi: […]

Il Bilancio di Sostenibilità di OVS, frutto della collaborazione di NATIVA di anni con il gruppo, è al primo posto del Premio Bilancio di Sostenibilità ideato da Corriere della Sera e Bologna Business School.

 

Il settore della moda è complicato dal punto di vista della sostenibilità perché gli impatti di questa industria sono enormi: si stima produca il 10% delle emissioni di CO2 complessive e il 20% delle acque reflue a livello globale oltre che una parte significativa di microplastiche disperse negli oceani. Non si tratta solo di problemi ambientali, ma anche di rischi legati alle persone che costituiscono una catena di fornitura, ancora molto manuale, localizzata in Paesi dove talvolta la regolamentazione in materia di condizioni di lavoro può essere ancora carente. 

Per queste ragioni però l’industria della moda ha un potenziale di impatto positivo importante e può contribuire significativamente a migliorare le condizioni ambientali, economiche e di benessere delle persone lungo la catena di fornitura.

La nostra collaborazione come NATIVA con OVS è iniziata nel 2015 con l’impostazione della strategia di sostenibilità: a partire dal miglioramento del prodotto e dei materiali, in primis il cotone – oggi 100% biologico riciclato o acquistato tramite la Better Cotton Initiative, promotrice di migliori standard nella coltivazione e nelle pratiche del cotone. 

Per rendere la strategia integrata e condivisa, sono stati formati tutti i dipendenti rispetto alla direzione presa da OVS ed è stato ufficializzato l’impegno dei responsabili delle diverse funzioni rispetto agli obiettivi di sostenibilità.

Un altro elemento chiave della collaborazione riguarda la scrittura del Bilancio di Sostenibilità. La trasparenza e la capacità di comunicare efficacemente le proprie performance a tutti gli stakeholder è parte integrante del percorso di OVS che con il  Report di sostenibilità 2020, di cui come Nativa abbiamo curato i contenuti e il progetto di comunicazione, ha vinto il Premio Bilancio di Sostenibilità ideato da Corriere Della Sera e da Bologna Business School.

In questo progetto obiettivo congiunto è stato quello di utilizzare il Report per valorizzare il percorso passato e futuro dell’azienda in termini di sostenibilità – evidenziando i principali outcome, i risultati di lungo termine – e ingaggiare tutti gli stakeholder, attraverso un processo che ha reso più agile e partecipativo l’impegno delle risorse coinvolte.

Siamo partiti da momenti di deep immersion che hanno permesso di raccogliere i feedback di ciascuna funzione aziendale, dando vita a un racconto incentrato sul valore creato rispetto ai quattro pilastri della sostenibilità di OVS (Prodotti e Supply Chain, Persone, Negozi e Sede, Clienti), grazie all’identificazione di indicatori di impatto rispetto a ciascun pilastro che costituiscono il cuore del documento.

Oltre a valorizzare la strategia di sostenibilità di OVS, su stimolo del CEO Stefano Beraldo abbiamo lavorato per rendere il Report, che tradizionalmente è legato a una comunicazione di tipo istituzionale, rilevante dal punto di vista artistico e creativo. Il Report risulta facilmente leggibile grazie all’impaginazione tipica dei prodotti editoriali e in tutti i paragrafi è possibile trovare storie e spunti di riflessione. In questo modo il Report non assume più le sembianze di un arido strumento atto a soddisfare precisi requisiti normativi, ma una modalità attraverso cui comunicare la propria strategia di sostenibilità in modo aperto, trasparente e interessante.

Per OVS la sostenibilità non è una semplice progetto aziendale, ma è parte integrante della strategia di business che si basa sull’impegno di ogni funzione aziendale nel considerare gli impatti ambientali e sociali che inevitabilmente sono generati dalle azioni e attività del Gruppo. Il Report di sostenibilità 2020 rappresenta un ulteriore strumento per comunicare la strategia coniugando la narrazione del percorso dell’azienda con la rendicontazione trasparente delle azioni messe in atto per rispondere alle sfide economiche, ambientali e sociali future da affrontare. Un aspetto premiato dal Corriere della Sera e da Bologna Business School.

Oltre a valorizzare la strategia di sostenibilità di OVS, su stimolo del CEO Stefano Beraldo abbiamo lavorato per rendere il Report, che tradizionalmente è legato a una comunicazione di tipo istituzionale, rilevante dal punto di vista artistico e creativo. Il Report risulta facilmente leggibile grazie all’impaginazione tipica dei prodotti editoriali e in tutti i paragrafi è possibile trovare storie e spunti di riflessione. In questo modo il documento non assume più le sembianze di un arido strumento atto a soddisfare precisi requisiti normativi, ma una modalità attraverso cui comunicare la propria strategia di sostenibilità in modo aperto e trasparente.

Per OVS la sostenibilità non è una semplice divisione aziendale, ma è parte integrante della strategia di business che si basa sull’impegno di ogni funzione aziendale nel considerare gli impatti ambientali e sociali che inevitabilmente sono generati dalle azioni e attività del Gruppo. Il Report Integrato 2020 rappresenta uno strumento atto a consolidare questa strategia, attraverso una narrativa che ha portato in essere il percorso dell’azienda, dando voce agli input e alle sfide economiche, ambientali e sociali future da affrontare. Un aspetto premiato dal Corriere e da Bologna Business School.

 

La collaborazione di Nativa con OVS è iniziata nel 2015 con l’impostazione della strategia di sostenibilità: a partire dal miglioramento del prodotto e dei materiali, in primis il cotone - oggi 100% biologico riciclato o acquistato tramite la Better Cotton Initiative, promotrice di migliori standard nella coltivazione e nelle pratiche del cotone. 
Il Report non assume più le sembianze di un arido strumento atto a soddisfare precisi requisiti normativi, ma una modalità attraverso cui comunicare la propria strategia di sostenibilità in modo aperto, trasparente e interessante.