EN / IT
Le B Corp italiane si rivolgono alla futura leadership del Paese

Il 23 gennaio 2018 segna una tappa fondamentale per l’imprenditoria e la politica italiane. Per la prima volta un gruppo di ottanta aziende B Corp da tutta Italia si rivolge alla futura leadership del Paese per ricordare a tutte le forze politiche e ai loro candidati alle elezioni del 4 marzo l’imperativo dello sviluppo sostenibile. […]

Il 23 gennaio 2018 segna una tappa fondamentale per l’imprenditoria e la politica italiane. Per la prima volta un gruppo di ottanta aziende B Corp da tutta Italia si rivolge alla futura leadership del Paese per ricordare a tutte le forze politiche e ai loro candidati alle elezioni del 4 marzo l’imperativo dello sviluppo sostenibile.

La comunità di imprenditori e cittadini delle B Corp italiane chiede, a tutta pagina sul Corriere della Sera del 23 Gennaio 2018, che gli obiettivi di Sostenibilità Sociale e Ambientale, su cui l’Italia si è già impegnata dal 2015 aderendo all’agenda 2030 delle Nazioni Unite, vengano inseriti nei programmi elettorali e vengano perseguiti a fondo dopo le elezioni.

“L’Italia è attualmente classificata al 30 ° posto nell’indice di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Possiamo e dobbiamo fare molto meglio. Già tante aziende si stanno muovendo per produrre un impatto positivo. Questo non è solo un appello ai politici, ma un invito all’azione nel mondo degli affari per migliorare la percezione dell’Italia” – Benoit Doithier, CEO di Herbatint, una B Corp di Roma

Un’altra B Corp che parla del movimento è Davines, un marchio di prodotti per la cura della persona di Parma. Il proprietario e presidente Davide Bollati sottolinea che il business sostenibile può diventare motivo di orgoglio nazionale.

“Davines crede che l’Italia possa diventare un modello per lo sviluppo economico sostenibile in Europa e nel mondo. Spetta anche alla nostra classe politica tracciare un percorso virtuoso per realizzare questo impegno ” – Davide Bollati, presidente Davines

Le B Corp Italiane sul sito www.Bthechange.it con questo appello uniscono la propria voce a quella di ASviS, l’Alleanza Italiana di 180 organizzazioni e reti dedicate allo Sviluppo Sostenibile.

“L’iniziativa delle B Corp mostra come le imprese italiane intendono contribuire a cambiare il paradigma economico. È fondamentale che i nuovi legislatori che si insedieranno dopo le elezioni si concentrino sullo sviluppo sostenibile, perché le imprese hanno bisogno di una chiara direzione da seguire” – Enrico Giovannini, fondatore di ASviS

Nativa è una delle 80 B Corp italiane sono aziende ‘attiviste’ parte di un movimento globale di migliaia di aziende in 60 paesi riconosciute per essere le migliori per il mondo. Le B Corp misurano i propri impatti, rispettano i più alti standard di sostenibilità ambientale e sociale, promuovono forme giuridiche innovative come le Società Benefit e invitano tutte le aziende a fare altrettanto, con l’obiettivo di accelerare l’evoluzione dei modelli economici e politici e creare una prosperità durevole e diffusa.